Il tuo browser non supporta JavaScript!
Dal 1974 al servizio delle biblioteche, degli operatori del libro e dell'informazione
Ricerca avanzata
0

Annarita Angelini

Annarita Angelini
autore
Editrice Bibliografica
Insegna Storia della filosofia all’Università di Bologna. Le sue ricerche vertono in particolare sugli intrecci tra filosofia, scienze e arti nella cultura europea della prima età moderna. Su questi argomenti è autrice di saggi e di monografie, tra i quali: Sapienza, prudenza, eroica virtù. Il mediomondo di Daniele Barbaro; Simboli e Questioni. L’eterodossia culturale di Achille Bocchi e dell’Hermathena; Metodo ed enciclopedia nel Cinquecento francese; Tout le savoir du monde.
Da alcuni anni si occupa delle correlazioni simboliche tra modelli della produzione artistica e simbolica rinascimentale e della cultura scientifica moderna e contemporanea. In questo ambito è coautrice, con Rossella Lupacchini, di La voce del serpente. Modi della conoscenza simbolica e della raccolta The art of sciences. From perspective Drawing to Quantum Randomness.
Condividi

Libri dell'autore

Matematica e immaginazione nel Rinascimento

di Annarita Angelini

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 200

“Un uomo, nato e formatosi nelle cosiddette scienze esatte, non comprenderà facilmente, dall’altezza della sua ragione intellettiva, che ci possa anche essere una fantasia sensibile esatta, senza la quale non sarebbe pensabile l’arte”. Così scriveva Goethe alla fine del Settecento, ma già nel Rinascimento qualcosa di prossimo alla “fantasia sensibile esatta” era penetrato nella concezione filosofica occidentale al punto da rimettere in discussione i confini teorici tra scienza e arte.Determinante, tra XV e XVI secolo, la ricezione della tradizione neoplatonica per la quale la facoltà immaginativa, complementare e inseparabile dalla ragione, garantisce la possibilità alle forme concepite dall’anima di raggiungere i domini della sensibilità. Mentre la matematica si arricchisce della potenza produttiva della fantasia, le arti figurative con Brunelleschi, Leonardo, Piero della Francesca, Dürer, assumono la razionalità della geometria come condizione della loro stessa funzione rappresentativa. Un viaggio alla scoperta dei rapporti tra ragione e fantasia, scienza e arte, mistica e logica, che raggiunge, alle soglie del Secolo dei Lumi, la geometria di Desargues e la filosofia di Leibniz.
18,50 15,73
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.