Il tuo browser non supporta JavaScript!
Dal 1974 al servizio delle biblioteche, degli operatori del libro e dell'informazione
Ricerca avanzata
0

Le ultime novità

La catalogazione: storia, tendenze, problemi aperti

di Lucia Sardo

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 296

Il volume approfondisce alcuni aspetti fra i più dibattuti della teoria catalografica moderna, fornendo un’introduzione storica sulla normativa catalografica e sull’evoluzione dei principi di catalogazione, con una analisi dei modelli concettuali, delle linee guida per la descrizione delle risorse e dell’emergente realtà del web semantico. Vengono presi in esame alcuni temi cruciali: dalla funzione della biblioteca all'organizzazione dei cataloghi, dal trattamento dei dati catalografici alla individuazione della loro tipologia, dalla lingua del catalogo all’ unicità del catalogo e alle differenziazioni funzionali, dalle mutate esigenze informative alle modalità di comunicazione fra i cataloghi e gli utenti. Una riflessione sullo stato dell'arte della catalogazione è quanto mai opportuna nel momento in cui i catalogatori devono affrontare un cambiamento radicale nella modalità di gestione dei dati, nei principi e nella normativa.
29,00 24,65

Archivio: concetti e parole

di Federico Valacchi

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 144

Originale tentativo di comunicazione dell’archivistica fuori da canoni consueti, questo libro è il racconto di uno stato d’animo o, meglio, di tanti stati d’animo quanti sono i cuori che battono in seno a questa disciplina. Ci sono concetti archivistici ma romanzati e/o drammatizzati, ci sono parole di uso quotidiano colte nei loro risvolti anche archivistici. E poi c’è la volontà di dimostrare quanto gli archivi siano bene comune, quanto siano lontani dalla narrazione piatta che troppo spesso se ne fa.
13,00 11,05

Come fare outsourcing in biblioteca

di Marco Locatelli

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 72

L’esternalizzazione, o outsourcing, è un fenomeno ampio già da lungo tempo diffuso nel settore privato ma che investe oggi sempre più anche le pubbliche amministrazioni e, tra esse, le biblioteche pubbliche. Esternalizzare richiede tre cose: una scelta di campo, la lucida ponderazione di costi/benefici, la conoscenza degli aspetti amministrativo-giuridici che comporta l’affidamento di un servizio pubblico in appalto. Questo lavoro vuole aiutare a osservare da vicino tutti e tre questi elementi.
8,00 6,80

Ermeneutica

di Massimo Marassi

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 144

La ricchezza del dibattito sull’ermeneutica ha una motivazione intrinseca: essa non rappresenta un sistema concettuale stabilito una volta per tutte, bensì riconosce i limiti del sapere umano. Sostenendo che l’interpretazione è un compito infinito, l’ermeneutica non intende affermare che qualsiasi progetto di verità sia destinato al fallimento e che l’esperienza attesti soltanto un tragico non-senso. La crisi odierna della ragione designa una situazione culturale ormai globale, una condizione in cui occorre andare alla ricerca di nuovi modelli del sapere. Dello spirito del tempo l’ermeneutica avverte l’esaurirsi delle forme tradizionali di organizzazione culturale e sociale, con l’intento di rispondere alla richiesta di cambiamento e proporre che le opere umane si volgano verso un fine comune.
9,90 8,42

Cosmesi e chirurgia

Bellezza, dolore e medicina nell'Italia moderna

di Paolo Savoia

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 232

Nel 1597 il medico e anatomista bolognese Gaspare Tagliacozzi pubblica una monografia in due volumi sulla chirurgia ricostruttiva delle mutilazioni facciali, in particolare dei nasi. La tecnica descritta nel libro consiste nell’innestare un lembo di pelle preso dalla parte superiore del braccio sul naso del paziente, una procedura lunga, faticosa e dolorosa, conosciuta già dal XV secolo. Prendendo le mosse dall’esperienza di Tagliacozzi, il volume esplora la storia sociale e culturale della chirurgia di età moderna attraverso il filtro della ricostruzione del volto, dimostrando l’importanza di una pratica e di una serie di operatori troppo spesso considerati marginali nel processo della rivoluzione scientifica moderna. Collocando la tecnica di Tagliacozzi in una prospettiva geografica e cronologica ampia – dall’Italia meridionale del XV secolo fino all’Inghilterra del XVII – il testo mostra che la storia di ciò che i contemporanei chiamano chirurgia plastica ha le sue radici nei rituali dell’onore maschile e nelle trasformazioni concettuali del naturale e dell’artificiale. Una storia che si estende fino alla seconda metà del Novecento, quando la chirurgia plastica diventa una pratica elettiva e il suo legame con la sfera militare viene spezzato.
19,50 16,58

Come rispondere in inglese alle domande più frequenti in biblioteca

di Juliana Mazzocchi

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 64

Come rispondere a un utente che si avvicina al banco della biblioteca chiedendo informazioni in inglese? Uno strumento alla portata di tutti: rapido, semplice e di immediato utilizzo, ricco di consigli pratici per riuscire a capire gli utenti stranieri e a venire incontro ai loro bisogni.
8,00 6,80

I cattolici italiani e la scienza

Il discorso apologetico sulla stampa clericale nell'età del positivismo

di Carlo Bovolo

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 144

Nel corso dell’Ottocento la scienza assunse un peso crescente nella società e nella cultura italiane: di fronte alle innovazioni tecniche, ai progressi dell’industria, alle nuove teorie – dal darwinismo al positivismo, fino alla psichiatria e all’antropologia criminale – i cattolici non poterono ignorare questa centralità, che minacciava il ruolo e l’influenza della dottrina cristiana. Si diffuse così in alcuni settori del movimento cattolico la necessità di costruire una scienza in accordo con la Rivelazione, con l’obiettivo di elaborare strategie per appropriarsi di tematiche scientifiche in ottica cristiana, di controbattere alle teorie materialistiche di scienziati laici e positivisti, di adoperarsi per una divulgazione scientifica in armonia con la fede. La scienza divenne uno degli strumenti al servizio della propaganda cattolica, usata con forza dalla stampa clericale. Nella scienza, infatti, erano individuate le obiezioni alla teoria di Darwin; la medicina e la fisiologia, nell’incapacità di dimostrare le cause naturali e patologiche di episodi quali estasi, stimmate, guarigioni miracolose, ne confermavano l’origine divina. Pur criticando il mito del progresso, scoperte e innovazioni tecnologiche – a partire dalla ferrovia e dal telegrafo – furono ricondotte all’interno di un disegno provvidenziale, facendo sì che la scienza divenisse uno dei campi di battaglia in difesa dei “sani principi cattolici”.
16,50 14,03

Storie di cervelli

Dall'antichità al Novecento

di Claudio Pogliano

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 208

Se nel 2000 si è concluso il “decennio del cervello”, da allora ha avuto inizio il “secolo del cervello”, connotato da una continua e rapida espan­sione delle neuroscienze. Negli ultimi anni l’investimento di risorse che le alimentano è cresciuto ovunque in modo esponenziale, così come, fortemente stimolato dai media, l’interesse di un pubblico sempre più ampio per discipline che promettono meraviglie. Sono rapidamente apparsi una serie di specialismi accomunati dal prefisso neuro (dalla neuroestetica alla neuroeconomia, per citarne solo un paio), tanto che sarebbe in atto un cosiddetto neuro-turn. In realtà la cultura occidentale non ha mai cessato d’interrogarsi sul rapporto fra corpo e mente, su struttura e funzioni del sistema nervo­so. Con un linguaggio chiaro e accessibile, il libro ripercorre storica­mente alcuni stadi di quel lungo discorso. Il primo capitolo lo presenta per grandi linee dall’antico fino agli sviluppi della scienza moderna; il secondo si concentra su uno dei periodi più intensi e fecondi, quello dominato dalla seduzione della frenologia; il terzo seleziona e racconta episodi particolarmente significativi avvenuti nel corso dell’Ottocento e del Novecento.
19,50 16,58

Dal testo al libro

Manuale pratico per redattori

Autori vari

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 168

Quali caratteristiche deve avere un documento di testo per essere adatto all’impaginazione? Che cosa significa formattare un testo? Come si può impaginare la pagina liquida di un libro digitale? Le risposte a queste e a molte altre domande in una guida pratica agli aspetti più tecnici del lavoro editoriale. L’ingresso del desktop publishing nelle aziende editoriali non ha cambiato solo l’attività di compositori e impaginatori, ma anche quella dei redattori, che sono chiamati sempre più spesso a un lavoro “ibrido” di intervento e controllo, non solo sul testo vero e proprio ma anche sul file impaginato e sugli aspetti grafici e tecnici del prodotto. Questo libro illustra, con l’aiuto di numerosi esempi concreti, la lunga strada che uno scritto deve affrontare per diventare libro e, soprattutto, cosa il redattore può fare per rendere il percorso più rapido e ridurre al minimo il rischio di errori. Ogni capitolo si occupa di una diversa fase del lavoro – dalla pulizia e caratterizzazione del file originale al controllo della bozza di stampa in cianografica, soffermandosi anche sulle specificità dei libri digitali – per offrire al redattore (o all’aspirante tale) un manuale che lo aiuti ad affrontare e risolvere i problemi più pratici e a sciogliere eventuali dubbi legati all’attività professionale.
23,50 19,98

Il mestiere dell'account

In pubblicità, comunicazione e marketing

di Daniela Pellegrini

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 152

Questo manuale si rivolge a tutti coloro che devono sviluppare un progetto di comunicazione e gestirne i processi. È uno strumento utile agli account di un’agenzia di comunicazione, ai liberi professionisti e ai consulenti che vogliono diventare manager di un’attività di marketing e comunicazione. Nello specifico i temi affrontati sono: Il profilo dell’account e il campo in cui opera. Le diverse figure professionali in agenzia e in azienda. Il miglior approccio strategico per mettere in atto una comunicazione vincente. Il flusso e i metodi di lavoro: da un corretto brief all’esecuzione di un progetto. Il ruolo e le competenze di un vero professionista. Gli strumenti per definire il budget e la gestione del timing. A chi si affaccia a questa professione, il libro fornisce tutti gli elementi necessari per capire le diverse sfaccettature del mestiere, mentre per i professionisti già affermati rappresenta un’occasione per rafforzare le proprie competenze. L’account e il libero professionista saranno infatti in grado di proporsi come veri esperti della materia, trasformandosi da semplici gestori della comunicazione a effettivi consulenti del cliente.  
20,00 17,00

I metadati

Come vendere meglio libri e ebook

di Enrico Guida, Paola Di Giampaolo

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 248

Che cosa consente a libri, riviste, ebook, cd e dvd di essere rintracciati in rete, nel catalogo di una libreria o di una biblioteca? Come è possibile reperire in una libreria online i titoli pubblicati su un argomento che ci interessa? Che cosa permette a un titolo di essere individuato come “il più venduto” e di finire nelle classifiche? A consentire tutto questo sono i metadati, informazioni che annunciano e poi accompagnano il libro nel suo percorso verso il lettore, e gli consentono di essere ricercabile, visibile, vendibile. Sapere quali sono e come utilizzare al meglio i sistemi di metadati è un vantaggio competitivo in ogni passaggio della filiera editoriale. Con un taglio divulgativo ma rigoroso al tempo stesso, questo volume vuole guidare l'editore, la libreria o l’autore che si autoproduce ad acquisire una “cultura dei metadati”, indispensabile per emergere in un mercato sempre più affollato di proposte.
23,50 19,98

Come realizzare una biblioteca vivente

di Martino Baldi

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 80

Esistono biblioteche che, invece dei libri, hanno sugli scaffali delle persone. Chiunque può avvicinarsi, prendere in prestito il libro umano che gli ispira più curiosità, ascoltare la sua storia e riportarlo a posto. Dal 2000, l’anno in cui è stato sperimentato per la prima volta in Danimarca, il progetto delle biblioteche viventi si è diffuso dapprima in Europa e poi in tutto il mondo, come strumento per favorire per il dialogo interculturale e la promozione dei diritti umani. Questo libro suggerisce ai bibliotecari procedimenti e pratiche per costruire una biblioteca vivente nel proprio contesto, interpretandola sia come strumento di contrasto alle discriminazioni e agli stereotipi sia come momento di risillabazione di quello che, in una comunità, dovrebbe essere il lessico basilare: incontrarsi, raccontarsi, ascoltarsi, riconoscersi gli uni negli altri.
8,00 6,80

Incatenati alla tastiera

Manuale di sopravvivenza per traduttori

di Olivia Crosio

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 96

Tutto quello che un traduttore deve sapere per sopravvivere lavorando in casa!  Questo piccolo manuale di sopravvivenza per traduttori vuole affrontare i problemi quotidiani di chi ha scelto questo mestiere, spesso più complessi di quelli creati dal testo in lingua originale. Stiamo parlando di illusi e illuse che hanno deciso di lavorare in casa convinti, così facendo, di poter godere di più flessibilità e tempo libero. Pia illusione, appunto. Come difendersi dalla vita domestica quando si ha l’ufficio in casa? Come non farsi sopraffare dalla pigrizia, dalla solitudine, dalla tentazione di posticipare e di chiudersi, dai famigliari invadenti, dai bambini piangenti, dai pasti da cucinare, dalla voce suadente del frigorifero che invoca Aprimi, aprimi? Per essere un bravo traduttore occorre invece soprattutto vivere, uscire, conoscere, sapere. È necessario ricercare e documentarsi in continuazione, perché gli argomenti sono infiniti. Insomma, in equilibrio perenne tra le pentole che ribollono in cucina e l’ora di uscita di scuola dei figli, chi sceglie questo lavoro difficile, oscuro, mal pagato e privo di riconoscimenti ufficiali può approfittarne per farsi una buona cultura generale e metterci, quando il testo lo consente, anche un po’ della propria personalità.
9,90 8,42

Storia dell'editoria cattolica

Dall'Unità a oggi

di Giuliano Vigini

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 144

Nella storia dell’editoria italiana, il contributo delle case editrici cattoliche è stato ed è rilevante per lo sviluppo del pensiero, della conoscenza e del dialogo intorno ai valori e alle idee del panorama cristiano, senza dimenticare l’apporto nel fornire strumenti di approfondimento per i credenti e per chiunque sia interessato a queste tematiche. In questa sintesi di orientamento storico-critico si traccia un percorso suggestivo di incontri con editori, autori, collaboratori che si sono impegnati a costruire con passione e competenza un solido edificio di cultura religiosa e spirituale che fosse un servizio e un patrimonio comune. Tante realtà che, dalla fine dell’Ottocento a oggi, hanno saputo tenere il passo con i tempi, sotto il profilo delle idee, dei contenuti e dei mezzi, in qualche caso anche anticipandoli con lucidità di visione. Oggi, però, le case editrici cattoliche si trovano ad affrontare problematiche nuove connesse alle trasformazioni in atto nella società e nella vita della Chiesa, e questo segnerà per loro un nuovo inizio.
18,00 15,30

Valutare la ricerca nelle scienze umane e sociali

Potenzialità e limiti della Library catalog analysis

di Maria Teresa Biagetti

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 256

Il volume affronta le problematiche relative alla valutazione delle monografie scientifiche prodotte nell’ambito delle Scienze umane e sociali, e in particolare si concentra sulla Library catalog analysis, che prevede la verifica della presenza delle monografie nelle biblioteche come indicatore della loro qualità. Per stabilire la validità di questa metodologia, sono state analizzate le caratteristiche, i limiti e l’attendibilità dei tradizionali cataloghi online come fonti di dati e di informazioni sugli autori e sulle opere. Parte sostanziale della ricerca è l’analisi sperimentale condotta sui cataloghi online di un ampio numero di biblioteche italiane e straniere; oltre a questi, vengono analizzati gli strumenti di discovery, che offrono la possibilità di effettuare ricerche bibliografiche simultanee tra tutte le collezioni di pubblicazioni, in qualsiasi formato, di una biblioteca e potrebbero essere impiegati per verificare la diffusione delle monografie. Vengono presi in considerazione anche i cambiamenti legati all’applicazione della tecnologia dei linked open data ai cataloghi delle biblioteche, prospettando i vantaggi per l’identificazione degli autori e per la corretta attribuzione delle monografie, anche ai fini della valutazione scientifica.
27,00 22,95

Come gestire i volontari in biblioteca

di Marco Locatelli

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 63

I volontari in biblioteca costituiscono un “male necessario”, prevalentemente causato dalla mancanza di adeguate risorse economiche, oppure sono una risorsa preziosa? Perché le biblioteche cercano volontari? Perché le persone possono aspirare ad essere volontari di biblioteca? Chi è e cosa può fare il volontario in biblioteca? Quali tipologie di volontari si possono avere? È sempre necessario costituire un’associazione per avvalersi di volontari? Quali vantaggi può dare?L’obiettivo di questo lavoro è provare a rispondere a queste domande – con una serie di consigli pratici –, nella consapevolezza che una corretta presenza di volontari rappresenti un’opportunità per le biblioteche e i bibliotecari.
8,00 6,80

Matematica e immaginazione nel Rinascimento

di Annarita Angelini

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 200

“Un uomo, nato e formatosi nelle cosiddette scienze esatte, non comprenderà facilmente, dall’altezza della sua ragione intellettiva, che ci possa anche essere una fantasia sensibile esatta, senza la quale non sarebbe pensabile l’arte”. Così scriveva Goethe alla fine del Settecento, ma già nel Rinascimento qualcosa di prossimo alla “fantasia sensibile esatta” era penetrato nella concezione filosofica occidentale al punto da rimettere in discussione i confini teorici tra scienza e arte.Determinante, tra XV e XVI secolo, la ricezione della tradizione neoplatonica per la quale la facoltà immaginativa, complementare e inseparabile dalla ragione, garantisce la possibilità alle forme concepite dall’anima di raggiungere i domini della sensibilità. Mentre la matematica si arricchisce della potenza produttiva della fantasia, le arti figurative con Brunelleschi, Leonardo, Piero della Francesca, Dürer, assumono la razionalità della geometria come condizione della loro stessa funzione rappresentativa. Un viaggio alla scoperta dei rapporti tra ragione e fantasia, scienza e arte, mistica e logica, che raggiunge, alle soglie del Secolo dei Lumi, la geometria di Desargues e la filosofia di Leibniz.
18,50 15,73

La scienza che fu

Idee e strumenti di teorie abbandonate

di Francesco Barreca

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 128

Nella pratica scientifica quotidiana vengono utilizzati strumenti, apparati e macchinari che, con il passare del tempo, sono rimpiazzati da altri più precisi. Il destino dei vecchi strumenti è, nel migliore dei casi, quello di diventare pezzi da museo, altrimenti finiscono nei ripostigli dei centri di ricerca. Qualcosa di analogo avviene anche nella formulazione delle teorie scientifiche: si elaborano concetti e nozioni che permettono di costruire ipotesi e teorie, ma una volta che una certa teoria si dimostra inadeguata, vengono abbandonati per finire negli “scantinati della scienza”. Il volume indaga alcuni tra i più importanti di questi concetti – chi sa o si ricorda cosa sono il punto equante, l’etere luminifero, l’impeto, l’atomo-vortice, il flogisto? – per offrire una rassegna storica della scienza da una prospettiva diversa da quella usuale, ovvero centrata sugli strumenti concettuali con i quali le teorie scientifiche del passato sono state costruite, più che sulle teorie stesse. Un testo stimolante, ricco di curiosità inedite, scritto in un linguaggio chiaro e accessibile a tutti.
16,50 14,03

L'arte di governare la carta

Follia e disciplina nelle biblioteche di casa

di Ambrogio Borsani

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 152

I libri hanno conosciuto molti spazi abitativi nel corso della storia: gli scaffali delle tavolette di Ebla, gli armari dei rotoli romani, i bauli degli arabi, la grotta di san Girolamo, l'utopica biblioteca di Warburg, le garçonnière per sola carta, le oasi nel deserto della Mauritania... In queste pagine Ambrogio Borsani ripercorre le abitudini, le regole e le follie legate al mondo del libro. Come riuscivano Rabelais e Hemingway a portarsi dietro una biblioteca in viaggio? Come erano sistemati i 50.000 libri di Umberto Eco e in cosa consiste l’ordine geologico di Roberto Calasso? Ma racconta anche cosa succede quando ci si porta in casa 350.000 libri in un colpo, come ha fatto la signora Shaunna Raycraft. E nella letteratura come vengono usate le biblioteche? Thomas Mann, Stendhal, Elias Canetti, Alessandro Manzoni, Jean Paul, Rudolph Töpffer, Robert Musil, Georges Perec, Luigi Pirandello e molti altri scrittori hanno creato straordinarie pagine di letteratura ambientate nelle biblioteche. Ci sono stati inoltre teorici come Melvil Dewey che hanno inventato sistemi per ordinare i libri nelle biblioteche pubbliche. Ma per quelle di casa? Ripercorrendo la storia dell'ordine e del disordine, L’arte di governare la carta indica alcuni criteri per rendere più armonica la convivenza con i libri, soprattutto quando i volumi che chiedono cittadinanza nel nostro appartamento sono troppi.
20,00 17,00

Ateismo

di Giovanni Filoramo

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 112

Che cosa caratterizza le nuove forme di ateismo nella nostra società postsecolare? E che cosa le lega alle forme tradizionali dell’ateismo moderno? Dopo aver affrontato il problema di come definire il “campo ateistico”, il saggio si propone di rispondere a questi interrogativi in una prospettiva storico-comparata. Vengono ripercorse le principali tappe della storia dell’ateismo occidentale per mettere in luce, da un lato in quali termini sia lecito parlare di ateismo anche per il mondo antico, dall’altro per tratteggiare i caratteri essenziali dell’ateismo moderno. Il libro affronta inoltre alcuni aspetti della situazione contemporanea, il problema delle statistiche relative agli atei oggi e il successo del “nuovo ateismo”, per concludere con una riflessione su un possibile futuro dell’ateismo.
9,90 8,42

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.