Quarta di copertina | Soggetti smarriti

Quarta di copertina | Soggetti smarriti

Dove

https://fb.me/e/1nZYhTcK5

Quando

venerdì 7 maggio 2021
dalle 18.30 alle 19.30
Giovanna Brambilla e Francesco Stoppa presentano in diretta streaming “Soggetti smarriti. Il museo alla prova del visitatore”

Venerdì 7 maggio alle 18.30, Giovanna Brambilla e Francesco Stoppa presenteranno in diretta streaming sulla pagina Facebook di Editrice Bibliografica, sulla pagina di Fondazione Fitzcarraldo e sul gruppo Geografie culturali: Soggetti smarriti. Il museo alla prova del visitatore in uscita il 6 maggio.

Giovanna Brambilla
Storica dell’arte e socia ICOM, è la responsabile dei Servizi educativi della GAMeC - Galleria Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo, dove si occupa di pedagogia del patrimonio e del rapporto tra museo e pubblici. Insegna ai master “Economia e management dei beni culturali” della Business School de Il Sole24Ore e “Servizi educativi per il patrimonio artistico, dei musei storici e di arti visive” dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. È docente di Iconografia all’Accademia di Belle Arti di Siracusa Rosario Gagliardi. Tra i suoi interessi di ricerca la storia del collezionismo e gli intrecci tra arte e società.

Francesco Stoppa:

Già responsabile dell'Area riabilitativa del Dipartimento di Salute mentale di Pordenone, consulente e formatore presso servizi pubblici e cooperative sociali del Friuli, Veneto e Lombardia.
Psicoanalista membro della Scuola dei Forum del Campo Lacaniano e docente presso l'istituto ICLeS per la formazione degli psicoterapeuti. Tra i suoi saggi: “Istituire la vita. Come riconsegnare le istituzioni alla comunità” (Vita e pensiero 2014), “La costola perduta. Le risorse del femminile e la costruzione dell'umano” (Vita e Pensiero 2017) e “Le età del desiderio. Adolescenza e vecchiaia nella società dell'eterna giovinezza” (Feltrinelli 2021).
Soggetti smarriti
Il museo alla prova del visitatore
Giovanna Brambilla
Questo saggio si propone come un utile strumento per muoversi nella complessa triangolazione tra musei, opere e pubblico dal punto di vista privilegiato dell’educazione al patrimonio. I temi toccati sono “gli indispensabili”: l’autoreferenzialità dei musei, la necessità di dialogo tra i membri dello staff, le strategie legate al mondo della scuola, il fondamentale confronto con la collettività, la progettualità dedicata alle persone marginali e fragili e l’attenzione ai linguaggi con cui raccontare il patrimonio.L’intento è quello di offrire uno sguardo inedito sulle creazioni di legami tra beni culturali e persone, spaziando in vari settori, con il desiderio di essere non una guida ma una bussola, non una parola definitiva, ma un crocevia di sguardi, che renda possibile la nascita di nuove ricerche e azioni, partendo dall’intersezione di diverse discipline e innescando una relazione vivace tra le numerose professionalità che operano intorno ai musei.Il 10 maggio 2021 si terrà il workshop a numero chiuso con l'autrice, visita questa pagina per scoprire il programma e iscriverti.


Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento