Le ultime novità

Le ultime novità

Scrivere per guarire

Manuale di scrittura terapeutica

di Alessandra Perotti

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 224

Scrivere per guarire? Possiamo permetterci un’affermazione di questo tipo? Oggi sì, perché gli studi, le sperimentazioni e le testimonianze ci autorizzano a dire che la scrittura è terapeutica: scrivere fa bene, ci aiuta a ritrovare consapevolezza e benessere, a entrare in connessione con la parte più profonda di noi stessi, chiarendo i nostri obiettivi e portando sollievo ai disagi dell’esistenza. Dopo aver indagato quali siano state le tappe fondamentali e gli studi più rilevanti di questo percorso di affermazione della scrittura come terapia, la domanda è: da dove si comincia a scrivere per guarire? E poi: come si può portare tale pratica salutare nella vita di ogni giorno? Quali sono gli ambiti in cui la scrittura può essere davvero di conforto? Oltre alle diverse tipologie di scrittura da sperimentare, in queste pagine sono raccolti numerosi esercizi per verificare in concreto i benefici di una modalità espressiva antica e sempre sorprendente. Del resto, scrivere è vivere.
19,00 18,05

Leggere in biblioteca tra arte e letteratura

di Micaela Mander

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 160

Questo libro propone una serie di capitoli su alcuni grandi scrittori del Novecento che hanno dedicato una parte della loro produzione e buona parte delle proprie riflessioni al rapporto tra parola scritta e arti visive: tra gli altri, Antonia S. Byatt, Melania Mazzucco, Marosia Castaldi, Orhan Pamuk, Antonio Tabucchi. L’autrice propone inoltre una rassegna di ti­toli di romanzi che hanno per soggetto un’opera o un artista o vi­cende legate a opere d’arte. In appendice, un approfondimento sul gruppo di lettura della biblioteca “Il Piazzalunga” di Suzzara, che in una delle due edizio­ni si è concentrato proprio su romanzi che parlano di arte e artisti: un esempio di come questo testo possa essere utilizzato dai bibliotecari e anche come elenco di spunti per qualsiasi lettore.
13,00 12,35

La biblioteca e la sua reputazione

di Maria Stella Rasetti

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 344

Impalpabile, ma solida; evanescente, ma difficile da modificare; precaria, ma capace di lasciare tracce indelebili: la reputazione di un individuo, di una organizzazione, di una azienda è una “brutta bestia” che non possiamo pretendere di addomesticare, ma che merita tutta la nostra attenzione. Qual è la reputazione che la nostra biblioteca si è costruita nel tempo? Ne siamo soddisfatti o abbiamo la sensazione che essa non sia apprezzata quanto merita? Possiamo fare qualcosa per migliorarla? E, se sì, in quale ambito possiamo intervenire? A questa e ad altre domande il libro offre in risposta alcune piste di approfondimento, nella duplice consapevolezza che la reputazione della biblioteca, fondandosi sui giudizi e pregiudizi delle persone che entrano in contatto con essa, non può essere controllata direttamente, ma rappresenta uno degli asset strategici più decisivi per il futuro. Essa infatti dà il segno di come la biblioteca è percepita all’interno della comunità e di quali valutazioni è fatta oggetto, divenendo parte integrante del suo potenziale posizionamento nel quadro complessivo dell’offerta di cultura e tempo libero.
29,00 27,55

Complottismi

di Paolo Toselli

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 120

Vi affascinano le coincidenze? Potreste essere attratti da una delle tante teorie del complotto in cui nulla accade per caso, tutto è connesso e niente è come sembra. Gli dèi, che un tempo cospiravano contro l’umanità, sono stati sostituiti da misteriosi gruppi di potere in combutta con fantomatiche creature aliene o entità demoniache. La sfiducia nelle istituzioni e nella politica, assieme alla diffidenza verso la scienza, ha condotto alla proliferazione delle teorie complottistiche. Dai Protocolli dei Savi di Sion agli Illuminati, dal Deep State a QAnon e oltre, l’autore vi spiega come districarsi tra negazionismi, accuse di patti scellerati, controlli mentali, verità negate, pandemie reali e fasulle. Una disamina per capire dove sta andando la nostra società, sempre più confusa e intrisa di incertezze.
9,90 9,41

Come gestire i documenti dopo il processo di revisione

di Loredana Vaccani

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 80

Nel processo di revisione, dopo la valutazione, si decide quali documenti devono tornare allo scaffale, quali in magazzino e quali essere eliminati. Quest’ultima destinazione vuol sempre meno dire macero e sempre più dono o vendita, e qualche volta, per le biblioteche universitarie o le grandi biblioteche, anche scambio. Rispetto al dono e alla vendita saranno forniti: caratteristiche fisiche e tecniche dei documenti; modalità operative; esempi di progetti. Si affronta anche la questione del dono “in entrata”, i documenti che si regalano alla biblioteca e che possono costituire una risorsa ma, se mal gestiti, anche una specie di calamità.
8,00 7,60

Le marche dei tipografi e degli editori europei (sec. XV-XIX)

4. Parlanti dell’insegna (Allegorie e simboli) (3844-5144)

di Giuseppina Zappella

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 872

Prosegue nel quarto volume di quest’opera completamente inedita la discussione sulle marche parlanti dell’insegna con specifico riferimento ad allegorie e simboli.  Le tipologie rispecchiano l’immaginario simbolico del mondo dei tipografi elaborando temi di grande varietà e complessità iconografica, espressione della cultura e degli ideali religiosi e politici del tempo. La descrizione delle singole marche segue lo schema dei volumi precedenti anche se con il progredire dell’opera si profilano nuovi approcci sempre più specifici e si aggiungono più complete documentazioni bibliografiche e iconografiche. Le marche descritte e riprodotte sono 1.328, relative a 433 tipografi e/o editori, appartenenti a 8 diversi stati, 78 città europee e a 276 denominazioni di insegna. Altri dati numerici: 238 i motti, oltre 300 i soggetti individuati nell’indice iconografico relativi a figure principali e secondarie, 95 le firme o sigle degli artisti, 621 le edizioni citate, 221 le opere segnalate nella bibliografia.Uno dei risultati certamente più importanti è di avere descritto e riprodotto un considerevole numero di marche non censite in repertori: ben 462, corrispondenti al 35% circa del numero totale.
99,00 94,05

Professione editore

Amministrazione, gestione, vendite

di Marco Fioretti, Lino Apone

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 288

Quando si gestisce un’impresa editoriale è importante avere sia un progetto culturale, sia uno economico. Questo volume, che aggiorna e amplia i contenuti di Come si fa l’editore (2014), si propone come una guida preziosa per ogni professionista del mondo del libro.La casa editrice infatti è un’azienda di tipo particolare: produce cultura. Nessun editore può permettersi di ignorare i fondamenti dell’economia aziendale o di sottovalutare l’importanza di contabilità, bilanci e budget, così come i meccanismi della distribuzione e della promozione, la movimentazione e le rese sono aspetti da tenere presenti per far quadrare i conti. Questo libro propone un quadro ampio e dettagliato degli aspetti economici e legislativi che regolano l’attività professionale, corredato di un apparato di grafici e tabelle e di una ricca bibliografia.
25,00 23,75

Come fare branding in biblioteca

di Anna Busa

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 80

Il brand è un concetto complesso che si presta a una molteplicità di definizioni. Un termine che comprende sfumature e significati diversi, che cambiano nel tempo così come si trasformano i mercati, i consumi, i nostri utenti. Fare branding significa mettere in condizione la biblioteca di rispondere alle nuove necessità, migliorando la percezione diffusa del suo valore. Il brand, infatti, non è solo un nome, racchiude sentimenti e sensazioni: è una promessa che aiuta a trasformare il rapporto con gli utenti da incontro a una relazione che dura nel tempo.
8,00 7,60

Come garantire la continuità operativa in biblioteca

di Ferruccio Diozzi

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 88

Questo testo vuole aiutare ad analizzare efficacemente le situazioni di crisi e a costruire piani che consentano di affrontare emergenze e post emergenze. Sono presi in considerazione sia la recente esperienza della pandemia, sia fenomeni derivanti da crisi del tutto diverse. Per ogni ambito vengono individuate le maggiori criticità, oltre a come garantire la non interruzione dei servizi e ripristinare la normalità. Si pone attenzione anche a organizzazioni affini alle biblioteche, in particolare agli archivi e ai musei, per individuare protocolli di attività condivisi. Un’ampia bibliografia e un riferimento alla normativa tecnica rilevante completeranno il lavoro.
8,00 7,60

La biblioteca spiegata ai volontari del servizio civile

di Ivana Pellicioli

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 176

Questa pubblicazione intende fornire un quadro generale che, partendo dalle regole del servizio civile e della leva civica, racconti, in maniera semplice ma anche esaustiva, cosa è la biblioteca, quale è il suo ruolo sociale e come funziona nella pratica di tutti i giorni. Argomenti complessi come l’organizzazione, gli spazi, la classificazione e la collocazione dei libri, la cooperazione, le risorse digitali, la costruzione delle raccolte sono trattati con l’intenzione di costruire un’immagine la più completa possibile di un servizio dove essere volontario per un anno può essere davvero un’esperienza bellissima. Per sé e per gli altri.
13,00 12,35

Questo titolo spacca

L’arte della titolazione online a uso di giornalisti, blogger, marketer e copywriter

di Gianluigi Bonanomi

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 136

Il titolo è la parte più importante di un testo, offline e online: questo vale per un articolo di giornale o di un post su un blog, ma risulta fondamentale anche per un video su YouTube. Il titolo è spesso, purtroppo, l’unica cosa che alcuni lettori guarderanno prima di condividere il link sui social. Questo testo, dedicato a tutti quelli che scrivono per lavoro o per diletto, soprattutto online, è un compendio delle tecniche più utilizzate per la costruzione di titoli che funzionano ma mette in guardia contro il rischio di cedere alla tentazione del click-bait. Il libro si divide in due parti: la prima è dedicata ai titoli informativi, freddi, e la seconda a quelli impressivi, caldi. Da una parte la SEO e dall’altra gli archetipi, di qui il tono burocratico e di là le figure retoriche. E ancora notiziabilità contro calembour, le 3 S del giornalismo versus lo storytelling. Si parla, forse autolesionisticamente, persino dei generatori automatici di titoli, strumenti molti utili che la rete ci mette a disposizione per il nostro lavoro. Il testo è corredato infine di tantissimi esempi che aiuteranno il lettore a districarsi in questo mondo e a scegliere bene il “proprio” titolo.
18,00 17,10

La nota a piè di pagina

Una storia curiosa

di Anthony Grafton

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 256

In questo saggio colto, vivace e originale, Anthony Grafton offre una panoramica ampia e curiosa del modo in cui la storia e l’uso apparentemente neutro delle note a piè di pagina costituisca in realtà una raffinata risorsa per le ambizioni individuali, le diverse rivalità o le divergenze di impostazione culturale. Alcuni storici le considerano l'occasione per esibire credenziali. Per altri, esse offrono l'opportunità di pugnalare i colleghi. In un viaggio storico che parte dall’origine di questa “specie” ricostruendo i fasti della nota a piè di pagina nel suo secolo d’oro, il Settecento, per arrivare alla precisione cartesiana della nota moderna, l’autore ci offre una serie di episodi divertenti, come “l’aggressione” di Alexander Pope alla filologia classica di Bentley: Pope “utilizzò ampiamente la nota a piè di pagina non diversamente da come in un horror americano il mostro usa la sega elettrica: per fare a pezzi i suoi nemici”. Insomma, la nota è stata tra le altre cose un espediente per lo sfogo degli umori, oltreché, evidentemente, per l’uso dell’erudizione e dell’acume critico, arrivando a essere un vero genere letterario ausiliario e autonomo, con i suoi geni e i suoi braccianti.
24,00 22,80

Scrivere di sport

Storie, biografie e giornalismo tra carta e web

di Federico Vergari

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 168

Nell’epoca dello storytelling applicato davvero a tutto, non si può pensare a un evento sportivo senza un adeguato racconto. In questo manuale appassionato troverete tutti gli strumenti per affrontare la scrittura sportiva in maniera consapevole: gli elementi indispensabili per una cronaca efficace, le strutture narrative, gli esempi illustri, le esercitazioni.Perché scrivere di sport significa prima di tutto scrivere di donne e uomini. E ogni donna e uomo hanno una propria personalissima storia, bisogna solo saperla trovare e raccontare.
18,00 17,10

Medicina sotto il vulcano

Corpi e salute a Napoli in età moderna

di Maria Conforti

editore: Editrice Bibliografica

Napoli è circondata da un territorio in continua e drammatica instabilità, con catastrofi quali eruzioni, terremoti, tsunami, accompagnati però da una straordinaria fertilità del suolo, mitezza climatica e ricchezza di testimonianze antiche. Il carattere paradossale del territorio e le contraddittorie caratteristiche urbanistiche e politico-sociali della città, che durante l’età moderna è stata tra le più popolose d’Europa, e tra le più difficili da governare, hanno determinato il carattere della sua medicina, sia in senso pratico (rapporti tra curanti e pazienti, assistenza ospedaliera, controllo delle epidemie) sia in senso teorico. La scuola medica napoletana di età moderna ha infatti costruito una sua particolare medicina, che affonda le radici nelle filosofie naturalistiche del tardo Rinascimento e che incorpora o crea saperi innovativi, quali la chimica e la mineralogia, l’anatomia umana e comparata, nello sforzo di interpretare le malattie alla luce di una tradizione continuamente reinventata.
18,50 17,58

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.