Il tuo browser non supporta JavaScript!

Le nostre novità al Convegno delle Stelline 2020

Le nostre novità al Convegno delle Stelline 2020 Le nostre novità al Convegno delle Stelline 2020
La XXV edizione del Convegno delle Stelline è alle porte: il 15 e il 16 settembre ci troveremo al Palazzo delle Stelline e online per raccontare le nuove tendenze della biblioteca.

Tra nuovi libri e una nuova proposta di corsi, ecco tutte le novità e le ultime uscite dell'area biblioteche!

Clicca qui per scoprire il calendario dei corsi online e dei webinar. 

Come organizzare il trasloco della biblioteca

di Alberto Coco

editore: Editrice Bibliografica

Il trasloco di biblioteca è un tema complesso ed eterogeneo, che richiede attente valutazioni e un approccio particolare, caso per caso, a seconda di innumerevoli variabili che possono rendere ogni operazione un unicum. Il volume non ha dunque la pretesa di esaurire tutte le casistiche e le criticità riscontrabili nell’ambito, quanto piuttosto di fornire un inquadramento generale del problema trovando elementi comuni e adattabili a più situazioni, focalizzando sulle principali e fondamentali pratiche da tenere in considerazione. Un metodo essenziale per fornire le prime coordinate di riferimento e calare gli addetti ai lavori all’interno di un aspetto della vita bibliotecaria sì poco frequente, ma da esperire con la massima attenzione, perizia e organizzazione, una volta chiamati a sovrintenderlo o anche solo a parteciparvi.

Oltre il libro

Forme di testualità e digital humanities

di Federico Meschini

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 304

Libro, scrittura e testualità per quasi quindici secoli sono stati visti come qualcosa di indissolubile, alla base della produzione, disseminazione e conservazione della conoscenza. A ciò ha contribuito negli ultimi cinquecento anni la rivoluzione gutenberghiana, caratterizzata da una natura sia tecnologica sia culturale. A partire dalla seconda metà del Novecento, un’altra rivoluzione ha mostrato come ciò che sembrava un sistema monolitico fosse in realtà organico e scomponibile. La diffusione dello strumento computazionale e delle reti telematiche ha messo in evidenza il carattere composito dell’oggetto libro, accelerando e inglobando al tempo stesso il processo di moltiplicazione dei supporti mediatici e informativi.All’interno di un panorama stratificato e complesso, questo volume individua e analizza le forme più significative assunte dalla testualità nel passaggio dal libro al computer. Un’attenzione particolare è rivolta alle pratiche e agli scenari centrali nelle digital humanities, in quanto applicazione dei modelli e delle tecnologie computazionali al patrimonio culturale.

Cari genitori, benvenuti in biblioteca

di Fabio Bazzoli, Giovanna Malgaroli

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 144

Quanto è importante la lettura nei primi anni di vita dei bambini? Che rilevanza ha la biblioteca nel fornire suggerimenti sui libri più adatti alla lettura in famiglia? Il libro fornisce spunti e preziosi consigli per iniziare e continuare nel tempo un percorso di lettura fin dalla più tenera età. Il testo si rivolge a tutti gli interessati a queste tematiche e al programma Nati per Leggere (bibliotecari, operatori socio-sanitari, educatori e volontari), soffermandosi sul contributo specifico che la biblioteca può dare alla promozione della lettura tra le mura domestiche e illustrandone le risorse, i benefici messi a fuoco dalle evidenze scientifiche nell’ambito del programma Nati per Leggere e il ruolo decisivo che l’ascolto condiviso assume nella creazione del lettore.

Biblioteche accademiche e terza missione

di Maria Cassella

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 190

Per terza missione si intende l’insieme delle attività con le quali le università entrano in interazione diretta con la società, affiancando le missioni di insegnamento (prima missione) e di ricerca (seconda missione).Il volume intende offrire un’ampia panoramica sulle attività di questo tipo che coinvolgono le biblioteche accademiche in Italia, individuando le diverse linee di azione che queste possono seguire per sviluppare il rapporto con il territorio e abbracciare il nuovo percorso culturale e sociale dell’università: la formazione continua, la partecipazione ai progetti con le scuole (alternanza scuola-lavoro) o agli eventi culturali e turistico-culturali; la valorizzazione delle collezioni; il sostegno ai progetti di open science e di citizen science. Ogni linea di azione è arricchita da best practices che possono servire da suggerimento e stimolo per il bibliotecario accademico. A metà strada tra monografia di ricerca e un manuale sulla biblioteca accademica e la terza missione, il volume stimola, incuriosisce, introduce tematiche e riflessioni nuove.

Records Management

Iso 15489: progettare sistemi documentali

di Paola Ciandrini

editore: Editrice Bibliografica

pagine: 152

Il volume descrive e approfondisce i principi generali e le linee guida proposte da ISO 15489, fornendo esempi, casi studio e analizzando il contesto di nascita e di evoluzione dello standard dedicato alla gestione documentale. L’applicazione dei principi archivistici in uno scenario digitale impone attenzione e competenze: i documenti informatici e le loro relazioni si rivelano “fragili” se non correttamente prodotti, gestiti e conservati. Records management. ISO 15489: progettare sistemi documentali fornisce una doppia osservazione: il punto di vista dei propulsori dello standard e il punto di vista degli utilizzatori dei sistemi documentali, che devono adottare le regole e gli indirizzi in tema di managerialità dei record forniti dal legislatore. Affidabilità, autenticità, accessibilità, integrità, usabilità e consistente coerenza sono le forme di una geografia della progettazione e realizzazione dei sistemi documentali.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.